Le risposte alle vostre domande sul mondo ISO 9001

Cosa è la norma UNI EN ISO 9001?

La norma UNI EN ISO 9001 è uno standard internazione che, prescrivendo regole di buona organizzazione aziendale, traccia un percorso verso la Qualità Totale. La ISO 9001, emanata in prima edizione nel 1987, periodicamente rivisitata e oggi in edizione 2015, è da anni un riferimento per tutte le aziende che vogliano improntare la propria struttura organizzativa secondo logiche di efficacia e di efficienza. È  applicabile a qualsiasi realtà aziendale, operante in qualsivoglia settore. Indica cosa deve essere fatto per raggiungere una buona organizzazione aziendale, lasciando peraltro ampia flessibilità nelle scelte dei modi per arrivare al risultato finale. Questo è fondamentale per salvaguardare le peculiarità del proprio ambito organizzativo e del proprio settore di attività.

La Certificazione ISO 9001 è obbligatoria?

No, è una certificazione è base volontaria. La certificazione è semplicemente la fase conclusiva dell’implementazione di un sistema di gestione ISO 9001 che prevede un audit da parte di un ente terzo indipendente chiamato a stabilire se il modello organizzativo aziendale sia conforme o meno ai requisiti della norma di riferimento. Di fatto in alcuni ambiti la certificazione è un requisito indispensabile per la qualificazione come fornitori (es. settore automotive) o per l’accesso agevolato a gare di appalto.

La certificazione può essere ottenuta anche senza aiuto da parte di un consulente?

Sì, ogni azienda può costruire il proprio sistema qualità secondo i requsiti della norma ISO 9001 in piena autonomia. Il supporto di un consulente può risultare vantaggioso in quanto:

  • è un esperto di sistemi di gestione per la qualità e quindi sa consigliare all’azienda le soluzioni più adatta allo scopo da raggiungere
  • è una figura esterna, pertanto in grado di valutare in modo più obiettivo pregi e difetti della situazioni organizzativa di partenza
  • è in grado di indirizzare l’azienda nella scelta dell’organismo di certificazione più adatto  e di gestire l’iter di certificazione sino alla fine.

Il consulente non deve peraltro sostituirsi alla direzione aziendale nella scelta dello stile manageriale da adottare. Solo il coinvolgimento del management consente una chiara comprensione dei princìpi e delle logiche organizzative interne, a salvaguardia dei valori e dei vantaggi competitivi raggiunti.

Quanto costa la certificazione ISO 9001?

Il costo della certificazione va distinto tra costo della preparazione e costo dell'audit di certificazione. 

 

Il primo, nel caso l'azienda abbia competenze in materia di ISO 9001 e decida di affrontare con le sole proprie risorse il progetto, può limitarsi a un budget ore da dedicare al progetto; nel caso in cui si scelga di essere supportati da un consulente, il costo dipenderà dal campo di applicazione del sistema di gestione per la qualità (quali e quanti processi relativi a quali prodotti/servizi l'azienda intende certificare), dalla complessità organizzativa interna (quante funzioni interne) e dal numero di sedi aziendali che si intende far rientrare nella certificazione; il costo dipenderà inoltre dal tipo di supporto richeisto al consulente, che può spaziare dal pacchetto “chiavi in mano” - che prevede il coinvolgimento in tutte le fasi del progetto - al solo supporto di indirizzo iniziale da prendere o all’audit di preparazione alla certificazione. Per questi motivi non è possibile pubblicare tariffari standard, preferendo invitare le aziende a chiedere un sopralluogo gratuito, che darà modo di presentare le varie possibilità di intervento e di formulare preventivi ad hoc.

 

La seconda voce di costa è invece certa, il rilascio del certificato ISO 9001 è subordinato all'effettuazione di un audit da parte di un ente di certificazione accreditato, la cui durata (e quindi il costo da sostenere) varia in funzione del nuomero di dipendente, dell'attività che si intende certificare e del numero di sedi interessate. 

 

Contattateci per avere un preventivo su misura. Saremo lieti di mettervi in contatto con enti prima per avere una quotazione relativa alla certificazione.

In quanto tempo si ottiene la certificazione?

Dipende dalla complessità organizzativa dell’azienda e dallo scopo di certificazione richiesto. Indicativamente un’azienda che commercializza prodotti (senza quindi attività produttiva) può arrivare all’audit di certificazione in 3/4 mesi, prevedendo una frequenza di incontro settimanale con il consulente e dandosi il necessario tempo per assimilare le nuove procedure redatte.

E' possibile ridurre queste tempistiche, intensificando il lavoro in modo da accorciare i tempi. Recentemente abbiamo partecipato a un progetto per un'azien

 

Se hai bisogno di ottenere velocemente la certificazione, contattaci: sapremo proporti la soluzione più adatta. Ma attenzione: 

  1. diffida di chi ti proporrà pacchetti qualità già pronti all'uso e progetti di consulenza già comprensivi di ente di certificazione. Il sistema qualità va costruito a partire da usi e consuetudini già in uso in azienda, adeguando la norma ISO 9001 alla realtà locale
  2. un supporto massivo non solleva l'azienda dal partecipare in modo attivo nella costruzione e implementazione del sistema qualità: senza la vostra fattiva collaborazione il consulente non può garantire un buon risultato, tanto più in casi in cui le tempistiche sono molto ridotte
  3. segnaliamo che per motici di conflitto di interesse chi fa consulenza non può certificare l'azienda.

Chi certifica l'azienda?

La certificazione può essere rilasciata esclusivamente da organismi terzi accreditati per lo specifico settore in cui opera l’azienda, a seguito di un audit presso l'azienda per verificare se il sistema qualità è implementato secondo le richieste della norma ISO 9001 e se l'azienda applica quotidianamente le procedure documentate che  ha presentato.

Che durata ha la certificazione ISO 9001?

La certificazione, independentemente dall'ente di certificazione scelto, ha una durata di 3 anni, subordinata all'esito positivo delle verifiche annuali di sorveglianza che seguono l'audit di certificazione; scaduti i tre anni, l'azienda è libera di rinnovare la certificazione per un altro triennio con lo stesso ente di certificazione o cambiare ente.

Come si svolge l'audit di certificazione?

La data dell'audit di certificazione viene concordata liberamente dall'azienda insieme all'ente di certificazione. L'auditor incaricato dall'ente, esperto del settore in cui opera l'azienda, effettua presso l'azienda una analisi dei documenti predisposti per assicurarne la congruenza con quanto richiesto dalla norma e successivamente prende visione di casi aziendali, intervistando responsabili e visionando documenti, per accertare che le prassi in uso siano allineate con quanto previsto dalle procedure aziendali. L'audit può concludersi con un esito pienamente positivo o con esito parzialmente positivo. In quest'ultimo caso possono essere richieste all'azienda azioni di miglioramento o azioni correttive a fronte di deficienze organizzative/gestionali emerse

Come si sceglie l'ente di certificazione?

Gli enti di certificazione riconosciuti da Accredia, ente accreditante italiano,  per svolgere attività di certificazione sono circa 120. L'elenco di questi enti, con indicazione dei settore di attività per i quali possono svolgere attività certificativa, è disponibile sulla pagina web di link

Il tipo di attività che ogni ente propone è assolutamente stadardizzata, con contratti triennali che prevedono una visita ispettiva (o audit) all'anno, al superamento della qualità è subordinato il rilascio prima e il mantenimento dopo del certificato. Ogni visita viene pianificata in accordo con l'azienda e non deve essere effettuata oltre l'anno solare dalla visita precedente. 

E' consigliato appoggiarsi ad enti di certificazione di uuna certa rilevanza, in quanto garantiscono un livello di qualit degli audit elevato, grazie alla preparazione e all'esperienza degli auditor di volta in volta incaricati di effettuare l'audit (possono essere dipendenti dell'ente o professionisti esterni; in ogni caso devono aver maturato esperienza nel settore di attivit sul quale effettuare l'audit e devono essere qualificati dell'ente attraverso un percorso formativo interno). Benché indipendente rispetto all'attività degli enti di certificazione (chi esercita attività di consulenza non può effettuare audit di certificazione e viceversa, per un ovvio conflitto di interessi), possiamo metterti in contatto con i primari enti con i quali maggiormente collaboriamo.

Da quando è possibile la certificazione secondo la nuova edizione della norma, ISO 9001:2015?

L'edizione 2015 della norma è stata pubblicata a settembre, ma era già certificabile da luglio 2015, mese di pubblicazione del final draft. Le aziende già certificate secono l'edizione 2008 avranno tempo sino al 2018 per chiedere l'adeguamento alla nuova edizione. Gli enti di certificazione consigliano, se possibile, di far coincidere il passaggio con l'audit di rinnovo, per ottimizzare i costi dell'operazione